Prevenzione dentale bambini: i consigli dei nostri esperti

prevenzione dentale bambini

Ecco i consigli dei nostri esperti in ambito della prevenzione dentale dei bambini. 

Prevenzione dentale bambini: l’igiene orale fin da subito

La prevenzione dentale nei bambini è assolutamente indispensabile. Se si trascura l’igiene orale, infatti, i batteri nella bocca si andranno a moltiplicare, favorendo l’insorgenza di carie. Ecco l’importanza della prevenzione, già durante il primo anno di vita.

In questo periodo può essere utile massaggiare le gengive del bambino dopo ogni pasto con un panno morbido bagnato. Da uno a tre anni, inoltre, è possibile fargli prendere confidenza con lo spazzolino, introducendo gradualmente anche un dentifricio al gusto preferito.

L’importanza dell’alimentazione

Anche l’alimentazione gioca un ruolo chiave nella prevenzione dentale in tenera età. Ridurre il consumo degli zuccheri è senza dubbio importante, così come evitare i cibi dolci tra un pasto e l’altro e, soprattutto, la sera prima di andare a dormire.

Può essere utile far masticare al bambino un cibo ricco di fibre, come ad esempio un pezzettino di mela o di carota. Obbligatorio lavare i denti dopo ogni pasto ed evitare di dare il latte al bambino se sono già stati lavati i denti. E’ utile, infine, evitare ogni tipo di bibita gassata, preferendo l’acqua.

La sigillatura come prevenzione dentale

Gli interventi di sigillatura come prevenzione dentale per i bambini sono sempre più utilizzati. Sulla superficie masticatoria dei molari definitivi, infatti, sono presenti naturalmente dei solchi in cui la placca batterica attacca lo smalto, formando la carie. Grazie ad alcune resine apposite applicate dal dentista, è possibile sigillare questi solchi prevenendo l’insorgenza delle carie. 

All’interno del nostro centro ci occupiamo di diverse aree di intervento, tra cui l’ortodonzia estetica, lo sbiancamento dentale, l’implantologia, la chirurgia stomatologica, la laser terapia e la parodontologia. Ancora, possiamo occuparci di estetica dentale. Utilizziamo tecnologie mininvasive e metodologie di avanguardia che consentono di ridurre il numero di sedute e di offrire al paziente il giusto comfort, riducendo il dolore.

Vuoi qualche consiglio circa la prevenzione dentale per i tuoi bambini? Contatta il Centro Odontostomatologico Lissone.

Cos’è la gnatologia e di cosa si occupa

Gnatologia

La gnatologia è una branca dell’odontoiatria specializzata nel trattamento delle patologie a carico degli organi responsabili della masticazione e non solo. Scopriamo insieme di cosa si occupa questa disciplina.

La gnatologia si occupa della cura di tutti i disturbi a carico degli organi adibiti alla masticazione e delle relative funzioni, ovvero fonazione, deglutizione e postura. In particolare si occupa della cura delle articolazioni temporo-mandibolari, mandibola, mascella, lingua e denti.

Nel corso degli anni la gnatologia ha acquisito un ruolo fondamentale poiché consente di individuare i disturbi che colpiscono l’apparato masticatorio e di offrire diverse soluzioni per porvi rimedio.

Di cosa si occupa la gnatologia

La gnatologia, nello specifico, si occupa di:

  •  difficoltà di apertura e chiusura della bocca;
  • dolori al viso ed al collo;
  • mal di testa da occlusione e quindi non diversamente spiegabili;
  • bruxismo;
  • vertigini o senso di instabilità;
  • mal di schiena alle gambe o alle spalle;
  • dolori alla mascella;
  • problemi posturali;
  • blocco della mandibola;
  • disordini o disturbi di qualsiasi genere nell’ambito dell’apertura o chiusura della bocca.

In cosa consiste la visita

La visita gnatologica consiste in una attenta valutazione diagnostica ed approfondita di molteplici aspetti clinici del paziente con una conseguente raccolta scrupolosa di tutte le informazioni circa la sua storia clinica. In questo modo è possibile valutare i fastidi accusati dal paziente in relazione alla malocclusione. Infatti la visita gnatologica permette di analizzare il funzionamento della mandibola e individuare l’eventuale presenza di eventuali complicazioni.

Prima di tutto si procede con la raccolta di dati generali sul paziente e sulla sua storia clinica. In un secondo momento viene valutato lo stato masticatorio del paziente per stabilire il piano terapeutico da seguire.

Nel corso della raccolta dei dati clinici del paziente, lo Gnatologo potrebbe aver bisogno di esami strumentali o diagnostici per completare il quadro clinico generale del Paziente. Alcuni di questi esami sono, tra i più frequenti, la Risonanza Magnetica delle ATM ( o anche detta cineris

Se hai bisogno anche tu di una visita gnatologica rivolgiti al Centro Odontostomatologico di Lissone dove troverai un personale medico altamente qualificato che ti aiuterà a contrastare i problemi dell’apparato masticatorio. Prenota la tua visita!